Il progetto AGT

Adriatic Green Trail

3 giorni in bici per scoprire il cuore più bello delle Marche

Saranno 3 i percorsi cicloturistici prevalentemente Gravel (con altrettanti itinerari-tracce sul vostro ciclo computer e via ognuno con il proprio passo) in una zona di straordinario splendore che regala al ciclista percorsi perfetti per pedalare, e che vi porteranno a scoprire questa parte delle Marche! Senza un tempo limite, perché l’avventura è un diritto/dovere di ogni cicloturista!

Un progetto nato dalla passione di 4 amici ciclisti, con il fine di promuovere e sviluppare un turismo esperienziale, sostenibile, che porti a scoprire con ritmo autonomo, ai cicloturisti, le meraviglie di una terra straordinariamente ricca di arte, natura, tradizioni e sapori.. Del resto, nel 2021, le Marche sono state la regione italiana più ricercata sul web.

Adriatic Green Trail attraversa oltre 30 borghi delle province di Pesaro Urbino, in un paesaggio unico e in maniera particolarmente intima valorizza le caratteristiche peculiari di questa zona d’Italia. Del resto se a piedi si coprono solo distanze relative e in auto si perdono i particolari, in bici si può davvero assaporare il territorio scoprendo scorci di straordinaria bellezza.

Cercheremo di offrire ai “turisti in bicicletta” anche strutture attrezzate, esperienze e itinerari pensati per loro, con l’ospitalità che mai manca a queste terre.

Nel dettaglio, il primo Itinerario prevede il passaggio per il lungomare di Fano e giù verso a sud sino ad inerpicarsi sulle colline che portano a Mondolfo, e via per le “creste” tra le Colline e i Borghi del Duca, alla scoperta di antiche tradizioni, passando da Orciano di Pesaro, Barchi Piagge e San Giorgio di Pesaro (oggi Terre Roveresche) e Sant’Ippolito, dopodichè attraversando nel punto dove vi fu la battaglia del Metauro nel 207 a.c. si risalirà per raggiungere Mombaroccio e piegare verso la Valle del torrente Arzilla.

Il secondo, invece, lasciandosi alle spalle la costa condurrà alla scoperta dei borghi che costeggiano le rive del fiume Metauro, in un susseguirsi di paesaggi mozzafiato sino ad attraversare parte della Riserva naturale del Furlo, ed arrivare alla celeberrima Urbino, dove poi si rientrando per le zone più selvagge e paesaggisticamente interessanti dell’interno, quali i boschi delle Cesane e vere e proprie chicche di architettura medioevale quali fortificazioni, abbazie e borghi cinti da mura perfettamente conservate.

Il terzo itinerario, dal canto suo, porterà i cicloturisti a lambire la spiaggia direzione nord sino a Pesaro, ed a sperimentare la famosissima “Panoramica”, che, con i suoi oltre 20 km di strada vietata alle auto nel week end, ne fa un paradiso con scorci mozzafiato di macchia mediterranea a picco sull’Adriatico, nel Parco Naturale del S. Bartolo sino a Gabicce, dove sfiorando la Romagna, passando per la romantica Gradara, l’allegra Tavullia e risalendo sino a quasi l’appenino si rientrerà per la festa finale dell’arrivo su Fano.

Elencare tutte le eccellenze gastronomiche che rappresentano il territorio è impossibile ma sicuramente segnatevi di assaggiare una corroborante “moretta” a Fano, di accompagnare i pasti a base di pesce fresco dell’Adriatico con un rinfrescante bicchiere di “Bianchello del Metauro” coltivato nei primi pendii delle vallate, condire una bruschetta con dell’Olio di Cartoceto, assaggiare la Casciotta di Urbino, la Crescia tipica dell’entroterra, il tartufo bianco e nero pregiato di Acqualagna e poi la Pizza “Rossini” di Pesaro…solo per citarne alcuni!

La partenza e l’arrivo saranno sempre dalla Magione Broccoli, una bella dimora di campagna destinata all’ospitalità ed a tutti i servizi annessi, offerti dai propietari con passione ed entusiasmo autentici!

Insomma, viaggiare nelle Marche sarà ora un’esperienza più intima e da assaporare lentamente, a ritmo di pedalate.